Attenzione, sindacalista cattivo
(Grazie a Rossella per il disegno ...)
La pagina principale del sito



Archivio Aprile 2011





28 aprile 2011



* Il numero di maggio di Professione docente

Sommario: http://www.gildaprofessionedocente.it/prd201105/
- Pag. 1-3 - Ridare dignità professionale ai docenti. Roma, 26-27 marzo 2011, Assemblea nazionale della Gilda. - Intervista a Rino Di Meglio. A cura di Ester Trevisan.
- Pag. 2 – Precari, Gilda rilancia la proposta dello scivoloG.A.E. – Esecuzione ordinanze cautelari TAR Lazio 27 aprile 2011 | Autore: Sonia Spada Docenti inseriti a “pettine” nelle graduatorie ad esaurimento biennio 2009/11. Esecuzione ordinanze cautelari T.A.R. Lazio. Allegati: Decreto - Elenchi docenti inseriti a pettine pensionistico.
- Pag. 4 - Verso l’ulteriore depotenziamento dell’istruzione tecnica e professionale “ordinaria”. Di Fabrizio Reberschegg.
-  Faq sulla mobilità. Di Gina Spadaccino.
- Pag. 5 - La sindrome di Brunetta. Di Francesco Lovascio.
- Pag. 6-7- Il merito nelle province.
- Pag. 8 - Germania: la GEW contro il diabolico matrimonio della Scuola con l’Economia. Di Piero Morpurgo.
- Pag. 9 - Manifesto per un nuovo umanesimo. Di Raffaele Salomone Megna.
- Pag. 10 - Aiuto, s.o.s scuola. Di Antonino Tindiglia.
- Pag. 11 - Vita in provincia.



* Precari e graduatorie: pronto il decreto di aggiornamento

Probabili termini di scadenza più brevi per la presentazione delle domande

In data odierna si è tenuto al Miur l´incontro per la definizione dell´ultima bozza del decreto sull´aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento.
Si è confermato come già nei precedenti incontri, che i docenti potranno chiedere:
1. la permanenza e/o l´aggiornamento del punteggio con cui si è inseriti in graduatoria;
2. la conferma dell´iscrizione con riserva o lo scioglimento della stessa;
3. il trasferimento da una ad un´altra provincia nella quale si verrà collocati per ciascuna delle graduatorie d´inclusione, con il punteggio spettante.

Quindi niente più code, solo pettine in una sola provincia.

Il decreto ministeriale sull´aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento presumibilmente uscirà verso il 5 maggio con scadenza il 25 maggio : non più un mese di tempo, ma 20 giorni per permettere agli UST di valutare le domande e arrivare alla definizione delle graduatorie definitive in tempo utile per le immissioni in ruolo.

Contestualmente in parlamento oggi si è iniziato l´iter per l´emanazione di un decreto legge che permetta di limitare gli spostamenti massicci da una provincia all´altra. Le misure che verrebbero previste, come già comunicato precedentemente, sono quelle riportate di seguito:
1. la conclusione di tutte le operazioni, comprese le immissioni in ruolo e le nomine a tempo determinato, entro il 31 agosto e non più entro il 31 luglio;
2. l´aggiornamento delle graduatorie avverrà ogni 3 anni, ma si anticiperà la data di scadenza presumibilmente entro febbraio del terzo anno;
3. coloro che conseguiranno il ruolo saranno vincolati alla permanenza nella provincia per 5 anni senza alcuna possibilità di ottenere anche l´assegnazione provvisoria.

Inoltre per quanto concerne le immissioni in ruolo verrebbe varato in concerto fra i tre ministeri (Miur, Mef, Funzione Pubblica) un piano di assunzione su tutti i posti vacanti e disponibili per i docenti ed il personale ata: ciò per evitare i ricorsi dei precari e rispettare contemporaneamente la direttiva europea.
Le richieste di immissioni in ruolo sarebbero intorno alle 50.000 in 3 anni così ripartite : per il 2010 circa 12.800 (posti disponibili 23.000, meno 10.200 docenti in esubero = 12.800 assunzioni), più altri 20.000 circa nel 2011 e altri 20.000 circa nel 2012.
Se il Mef acconsentisse a questo piano di assunzioni, i primi 12.800 verrebbero assunti con decorrenza giuridica dal primo settembre 2009/2010 e si dovrebbero fare quindi sulle graduatorie ad esaurimento esistenti. Ciò consentirebbe di avere una continuità nelle immissioni in ruolo fra il Ministero di Fioroni e quello della Gelmini: in questo modo si eviterebbe di pagare i numerosi ricorsi dei precari per la stabilizzazione del rapporto di lavoro.
In ogni caso se ciò non avvenisse, le assunzioni in ruolo fatte dal primo settembre 2011 dovrebbero essere circa 30.000: questo sarebbe possibile perché si coprirebbe il turn-over dei docenti e i posti disponibili in organico di diritto. Il problema rimarrebbe per il personale ata in quanto il turn-over sarebbe di 7.000 posti l´anno, quindi circa 20.000 in 3 anni a fronte di  40.000 posti vacanti: pare che il Mef comunque non sia disponibile a coprire tutti i posti vacanti.
Naturalmente non è certo che Mef acconsentirà alle immissioni in ruolo nei contingenti richiesti, ma stamane, come negli altri incontri, la Gilda ha chiesto con forza l´immissione in ruolo di tutti i posti disponibili che risultano  essere molto più numerosi di quelli annunciati dal Miur.
Si è anche accennato oggi alla possibilità di rivalutare la riconversione professionale e la possibilità della mobilità intercompartimentale per coloro che si trovano in classi di concorso in esubero. Lo stesso dott. Chiappetta si è mostrato disponibile alla richiesta di un tavolo su questo argomento.
Quanto alla discussione in parlamento sul decreto legge sulle graduatorie ad esaurimento, relativamente alla richiesta del bonus di punti aggiuntivi a coloro che restano nella stessa provincia, tale bonus è stato dichiarato inammissibile ed incostituzionale, perché in riferimento alla mobilità, tale punteggio vuole premiare la continuità didattica, cosa che non esiste nella continuità provinciale.
Ancora una volta la Gilda degli Insegnanti si è battuta per la risoluzione del problema del precariato ribadendo con veemenza la necessità della stabilizzazione del rapporto di lavoro e la conseguente immissione in ruolo di tutti i precari.
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?idcat=0&plug=motore&area=news&id=1623

Il resoconto dell'incontro del 21 aprile:
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?idcat=0&plug=motore&area=news&id=1594



* Precari e graduatorie Verona

Dal sito dell'UST di Verona:
G.A.E. – Esecuzione ordinanze cautelari TAR Lazio - 27 aprile 2011
Docenti inseriti a “pettine” nelle graduatorie ad esaurimento biennio 2009/11.
Esecuzione ordinanze cautelari T.A.R. Lazio.
Allegati:  Decreto  -  Elenchi docenti inseriti a pettine
http://lnx.istruzioneverona.it/uspvr/?p=7541
 e
Comunicazione di avvio di procedimento - 26 aprile 2011
Alla pagina Graduatorie ad esaurimento è pubblicata la nota Prot. 4976/C.07.c del 26 aprile 2011, relativa all’esecuzione ordinanze cautelari TAR Lazio. La presente nota deve intendersi quale comunicazione di avvio del procedimento nei confronti di tutto il personale docente ed educativo già inserito nelle graduatorie di cui trattasi.
http://lnx.istruzioneverona.it/uspvr/?p=7531



* Precari: nuove lauree e TFA in avvio dal prossimo anno accademico

Il decreto è stato trasmesso alla Corte dei conti per la registrazione.

Il Miur ha reso noto il Decreto Ministeriale 4 aprile 2011 n. 139 - Attuazione DM 10 settembre 2010, n. 249, recante regolamento concernente: "formazione iniziale degli insegnanti", trasmesso alla Corte dei Conti per la registrazione.

A decorrere dall´a.a. 2011/2012 sono istituiti e attivati dalle Università, in conformità al disposto del DM n. 249/2010:
a) i corsi di laurea magistrale a ciclo unico per l´insegnamento nella scuola dell´infanzia e nella scuola primaria;
b) i corsi di laurea magistrale per l´insegnamento nella scuola secondaria di primo grado;
c) i tirocini formativi attivi (TFA) per la formazione degli insegnanti di scuola secondaria di primo e secondo grado;
d) i corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità;
e) i corsi di perfezionamento per l´insegnamento di una disciplina non linguistica in lingua straniera.

I nuovi percorsi per l´insegnamento nella scuola primaria e dell´infanzia potranno essere attivati presso le Università attualmente sedi dei corsi di laurea in Scienze della Formazione Primaria; per la secondaria di I grado, si potranno attivare nel numero di uno per Regione, oppure di uno per gruppo di Regioni, relativamente a ciascuna classe di abilitazione. I corsi di laurea magistrale biennale per l´insegnamento nella scuola secondaria di secondo grado, per i quali il D.M. 249/10 non indica ancora i relativi percorsi, dovranno invece essere definiti con successivo regolamento.

Il testo del Decreto ministeriale 4 aprile 2011, n. 139 - “Attuazione DM 10 settembre 2010, n. 249, recante regolamento concernente: "formazione iniziale degli insegnanti":
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?idcat=0&plug=motore&area=news&id=1612

Le linee guida ministeriali sulla programmazione universitaria 2010-2012:
http://www.istruzione.it/web/universita/programmazione-2010-2012



* Mobilità annuale, continua il confronto al Miur

Rimangono nodi rilevanti da definire

Il 27 aprile è proseguito al Miur l´incontro sulle utilizzazioni e le assegnazioni provvisorie per il prossimo anno scolastico. Si sono affrontati alcuni punti ancora controversi, ma senza arrivare alla loro definizione.
In particolare si è discusso dei criteri relativi all´utilizzazione su posti dell´Ufficio Tecnico, figura prevista nell´istruzione tecnica e professionale dalla riforma, oltre che dagli ordinamenti previgenti in alcune tipologie di istituti, la cui utilizzazione riguarda prioritariamente gli ITP soprannumerari nel loro istituto ed in subordine in esubero provinciale.
Si sono prese in esame, inoltre, le modalità di utilizzazione:
a) dei docenti dell´ A031, A032 ed A077 nei licei musicali e coreutici;
b) dei docenti in esubero nell´istruzione professionale che possono trovare collocazione negli IeFTS.

Restano da discutere, ancora:
1) l´ art. 4 relativo all´ assegnazione dei docenti ai plessi ed alle sedi della stessa istituzione scolastica. Su questo punto tutte le OO.SS. riconoscono la sovranità della contrattazione d´istituto, ed in particolare dell´ art. 6 del CCNL, non ritenendo tale assegnazione una prerogativa del dirigente scolastico;
2) le assegnazioni provvisorie interprovinciali per le quali la FGU è orientata sulla opportunità di fissare una quota massima di posti disponibili, per consentire ai precari delle regioni più svantaggiate di poter contare su una maggiore disponibilità di cattedre.

Prossimo incontro il 4 maggio.
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?idcat=0&plug=motore&area=news&id=1615



* Precari: Trento, graduatorie di istituto del personale docente per il biennio 2011/2013

Scadenza presentazione domande: 26 maggio 2011

La Giunta provinciale di Trento, con deliberazione di data 15 aprile 2011, n.728, ha approvato termini e modalità per la presentazione delle domande ai fini della formazione delle graduatorie di istituto del personale docente per il biennio scolastico 2011/2013.
Il termine per la presentazione delle domande è fissato per il giorno 26 maggio 2011.
Il provvedimento riguarda:
- i docenti inseriti nelle graduatorie provinciali per titoli di Trento, abilitati, che intendono inserirsi nelle graduatorie di istituto di I, II e III fascia;
- i docenti già inseriti nelle graduatorie di istituto di Trento che intendono permanere o aggiornare la propria posizione nella II o III fascia delle graduatorie;
- i docenti interessati all´inserimento nelle graduatorie di II e III fascia, in quanto hanno conseguito o conseguiranno, entro il termine di scadenza della presentazione della domanda, il titolo di abilitazione o di studio valido per l´accesso all´insegnamento.

Si ricorda che:
- i docenti iscritti nelle graduatorie ad esaurimento di altra provincia non possono presentare domanda di iscrizione nelle graduatorie di istituto della provincia di Trento;
- i docenti iscritti nelle graduatorie di istituto II e III fascia della provincia di Trento non possono contemporaneamente essere iscritti nelle graduatorie di istituto e di circolo di altra provincia.
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?idcat=0&plug=motore&area=news&id=1614



* Sostegno agli alunni disabili, Gelmini bocciata anche a Latina

Nuova sentenza del TAR Lazio a favore del recupero delle ore di sostegno agli alunni disabili della provincia di Latina

Nuova, terza sentenza del TAR Lazio a favore del recupero delle ore di sostegno agli alunni disabili della provincia di Latina. La sentenza del 21 aprile scorso ha confermato che il diritto allo studio degli alunni diversamente abili consta di un nucleo indefettibile che non può sottostare alle logiche di bilancio.
Il ricorso è stato promosso dalla Gilda degli insegnanti di Latina, con il patrocinio dell´avvocato Agostini, di concerto con lo studio legale nazionale.
Per altre informazioni si consulti il sito della Gilda di Latina:
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?idcat=0&plug=motore&area=news&id=1609



* Ridare dignità professionale ai docenti

Rino Di Meglio sulle due istanze storiche della Gilda: l´area di contrattazione separata e il Consiglio superiore della docenza

Il 26 e il 27 marzo, nell´ambito dell´Assemblea nazionale che ha riunito a Roma tutti i delegati della Gilda degli Insegnanti, il coordinatore nazionale Rino Di Meglio ha rilanciato due istanze storiche dell´associazione: l´area di contrattazione specifica per i docenti e il Consiglio superiore della docenza. Nel suo intervento, Di Meglio ha sottolineato l´importanza di queste proposte, ribadendo il rischio che il modello meritocratico proposto dal ministero dell´Istruzione riduca i docenti a sterili figure esecutive e svilisca la loro funzione istituzionale riconosciuta dalla Costituzione. Abbiamo chiesto al coordinatore nazionale di illustrare nel dettaglio in cosa consistono le due proposte.

La Gilda - FGU lancia una campagna per due disegni di legge sul contratto separato dei docenti e sul Consiglio superiore della docenza. Di Meglio, vogliamo entrare nel merito dei contenuti delle proposte?

Si tratta di un´iniziativa molto importante, che intendiamo portare in Parlamento e per la quale chiediamo il sostegno di tutti i docenti e l´impegno bipartisan della classe politica. Ci mobiliteremo nelle scuole per raccogliere il maggior numero possibile di firme e cercare finalmente di tradurre in legge due proposte sulle quali la Gilda insiste da sempre: l´istituzione di un´area di contrattazione separata, così da sottrarre gli insegnanti da quel ‘calderone´ contrattuale che li accomuna ad altre categorie di impiegati amministrativi, e la creazione del Consiglio superiore della docenza.

Quali funzioni dovrebbe svolgere il Consiglio superiore della docenza?

Attualmente esiste, ma sta andando in estinzione, il Consiglio nazionale della pubblica istruzione che in passato si chiamava già Consiglio superiore della docenza. È un organismo di carattere collegiale analogo, seppure in un´altra dimensione, al Consiglio superiore della magistratura. La sua funzione consiste innanzitutto nel garantire il precetto costituzionale della libertà di insegnamento e, in particolare, deve intervenire come organo di garanzia sulla delicatissima questione delle sanzioni disciplinari per evitare che i dirigenti scolastici abusino dei loro poteri e adottino provvedimenti lesivi della libertà di insegnamento e dell´autonomia didattica. Questo organo di garanzia, inoltre, può rivestire un ruolo importante nella definizione dei meccanismi di valutazione dei docenti, così da non affidarli a soggetti esterni alla categoria. Il lavoro degli insegnanti deve essere giudicato da organismi competenti e in base al principio di imparzialità.

Ritiene che i docenti e la scuola abbiano un vantaggio con queste innovazioni?

Certo: l´insegnamento non è un lavoro dipendente qualsiasi, perché è caratterizzato da particolari contenuti professionali e richiede creatività, impegno e dedizione. Mortificare i docenti, svilendone il loro fondamentale ruolo di educatori e riducendoli a burocrati dell´istruzione, rischia di minare la qualità dell´insegnamento e, quindi, di arrecare un grave danno agli studenti. Ecco perché ritengo che queste due proposte, tese alla difesa della professionalità docente, possano essere vantaggiose non soltanto per gli insegnanti, ma per tutta la scuola italiana.

Entrambe le proposte, soprattutto il contratto separato per i docenti, sono istanze " storiche" della Gilda. Come mai non hanno avuto successo fino ad ora?

I due sondaggi che abbiamo commissionato a una società esterna e qualificata hanno dimostrato che la stragrande maggioranza degli insegnanti condivide queste proposte. Finora, nonostante le aperture dimostrate da passati governi, non hanno avuto attuazione a causa dell´ostinato ostruzionismo da parte dei sindacati che non vogliono rinunciare a coltivare l´orticello intercategoriale della scuola. Eppure la stessa opposizione non c´è stata per altre categorie molto più piccole alle quali è stata concessa la specificità contrattuale.

Cosa si sente di dire ai colleghi per convincerli a sottoscrivere i due disegni di legge?

Invito tutti gli insegnanti italiani ad appoggiare con le loro firme e con lettere ai giornali queste due proposte perché in questo momento è necessario uno slancio per ridare alla categoria quella dignità professionale che, aldilà delle condizioni economiche che ben conosciamo, è stato sempre il primo motore della dedizione degli insegnanti italiani verso la scuola pubblica statale. La nostra categoria sta attraversando una fase molto critica: è giunto il momento di dire basta agli attacchi violenti e ingiustificati di chi taccia gli insegnanti come dipendenti della pubblica amministrazione fannulloni e improduttivi.

A cura di Ester Trevisan
(da Professione docente, maggio 2011)
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?idcat=0&plug=motore&area=news&id=1601



* Prove Invalsi: il Ministero pubblica una nota di chiarimento

Sarebbero un obbligo istituzionale, ma da retribuire a parte

L´ordinamento scolastico richiede alle scuole la partecipazione, anzi il concorso istituzionale, alle rilevazioni periodiche e di sistema. In linea di coerenza pertanto anche il piano annuale delle attività, predisposto dal dirigente scolastico e deliberato dal collegio dei docenti, ai sensi dell´art 28, comma 4, del vigente C.C.N.L non può non contemplare tra gli impegni "aggiuntivi" dei docenti, anche se a carattere ricorrente, le attività di somministrazione e correzione delle prove INVALSI.
Questo si legge nella nota prot. n. 2792 del 20 aprile 2011 emamata dal Miur con l´intento di sciogliere il nodo delle prove Invalsi, ed in particolare della loro obbligatorietà.
"Ferma restando l´assoluta pertinenza sotto il profilo giuslavoristico con le mansioni proprie del profilo professionale, - si legge nella nota - il riconoscimento economico per tali attività (aggiuntive, ndr) potrà essere individuato, in sede di contrattazione integrativa di istituto, ai sensi degli artt. 6 e 88 del vigente C.C.N.L.".
In altri termini, le prove Invalsi sarebbero un obbligo istituzionale, ma da retribuire a parte (sic!).  Una sorta dunque di "obbligatorietà retribuita" , formula ideata per superare le evidenti contraddizioni di questa operazione.
La posizione espressa dalla Gilda degli insegnanti rimane e si consolida.
Quid iuris, chiediamo al Miur, nella grave situazione di insufficienza degli specifici finanziamenti destinati alle scuole? Con quali fondi integrativi, eventualmente ancora inutilizzati, le scuole potranno provvedere a compensare tali "obbligatorie attività aggiuntive"?

Il testo della Nota ministeriale 20 aprile 2011, prot. n. 2792 - Servizio nazionale di valutazione – Rilevazione degli apprendimenti per l’a.s. 2010/11 – Precisazioni
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?idcat=0&plug=motore&area=news&id=1589



* Messina, proclamato unitariamente lo stato di agitazione

Per il ripristino di tutti i posti sottratti dall´ultima tranche dei tagli previsti dal Ministro Gelmini

Le Segreterie provinciali di Messina di FLC CGIL, CISL Scuola, UIL Scuola, Snals Confsal e GILDA Unams, presa visione dei dati relativi agli organici della scuola primaria della provincia, hanno proclamato lo stato di agitazione della categoria. [...]
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?idcat=0&plug=motore&area=news&id=1597



* INVALSI - Esame di stato I ciclo

Istruzioni per lo svolgimento della prova nazionale relativa all’anno scolastico 2010/2011 e allegato tecnico/organizzativo
(Nota prot.n. 2937 del 28 aprile 2011)
http://www.istruzione.it/alfresco/d/d/workspace/SpacesStore/cd51bec7-eda3-40a0-bb82-88cf8e1cf4dc/prot2937_11.zip




* Pagamenti, posta elettronica etc

Un riassunto ministeriale delle procedure informatiche che interessano segreterie, alunni e personale, soprattutto precario:
http://www.istruzione.it/alfresco/d/d/workspace/SpacesStore/5da9a748-b465-4159-85d4-6dde71ebb422/prot2172_11.pdf



* Precari: Esami di stato – Sostituzione commissario esterno

Dal sito dell'UST Verona:
E’ disponibile alla pagina modelli e documenti – esami di stato – il modello di messa a disposizione per l’eventuale sostituzione dei commissari esterni (http://lnx.istruzioneverona.it/uspvr/?p=7537)
http://lnx.istruzioneverona.it/uspvr/?page_id=1499



* Risarcimento scatti precari - due sentenze che riducono i casi di risarcomento

Tribunale di Lanusei - Sentenza n 18-2010
Reiterazione contratti a tempo determinato - esigenze di carattere temporaneo - insussistenza di abusi.
Non appare posto in essere alcun abuso da parte dell'Amministrazione, qualora un supplente abbia svolto esclusivamente attività temporanea nel corso del periodo di svolgimento dell'attività didattica, quindi tipicamente correlata ad esigenza temporanea di sostituzione di altro insegnante incardinato, e non già correlata a copertura di posto vacante all'inizio delle lezioni.
http://www.dirittoscolastico.it/tribunale_di_lanusei_-_sentenza_n_18-2010.html

Tribunale di Vicenza - Sentenza n 164-2010
Reiterazione di contratti di lavoro a tempo determinato - diritto alla conversione ed al risarcimento danni - non sussiste.
In questo caso si riferisce a supplenze per posti non liberi e vacanti
http://www.dirittoscolastico.it/tribunale_di_vicenza_-_sentenza_n_164-2010.html



* Iniziative di solidarietà con il popolo giapponese

http://www.istruzione.it/alfresco/d/d/workspace/SpacesStore/83381256-d124-4482-8809-ef32318a1396/prot3524_11.pdf



* Garante Privacy: garanzie per il trattamento e la comunicazione di dati personali dei dipendenti

Su filodiritto.com: http://www.filodiritto.com/index.php?azione=archivionews&idnotizia=3089



* Dati sulla scuola veneta

Lo spazio dell'USR Veneto con statistiche e riassunti:
http://usrveneto-dati.wikispaces.com/home



* Precari: Reclutamento - Ministero della Difesa

Concorso per titoli presso la Scuola Militare "Teuliè" di Milano e la Scuola Militare "Nunziatella" di Napoli, a.s. 2011/2012. Entro il 31 maggio 2011 le domande di ammissione.
Bando “Teuliè": http://www.istruzione.it/alfresco/d/d/workspace/SpacesStore/3db82f72-d84b-49b1-82b5-9f6c9db68be1/bando_teulie_2011-2012.pdf
Bando “Nunziatella”:
http://www.istruzione.it/alfresco/d/d/workspace/SpacesStore/d5651025-ad00-4395-922d-bcf97ca70ce1/bando_nunziatella_2011-2012.pdf




* Titoli di studio conseguiti all'estero

Chiarimenti sulle modalità di applicazione delle norme relative al riconoscimento di titoli di studio e certificazioni straniere
(Nota prot.n. 2787 del 20 aprile 2011)
http://www.istruzione.it/alfresco/d/d/workspace/SpacesStore/cfe3115f-6b29-4d28-8cd5-d0db64c877c5/prot2787_11.zip



* Festa dell'Unità d'Italia - 17 marzo

Camera dei deputati – Senato della Repubblica – Legge n° 47 del 21/04/2011 – Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 22 febbraio 2011, n. 5, recante disposizioni per la festa nazionale del 17 marzo 2011
http://www.pinodurantescuola.com/?p=12104#more-12104



* Inps: Importi assegni di maternità per l’anno 2011

Con la circolare n. 69 del 20 aprile 2011 vengono forniti gli importi degli assegni di maternità concessi dai Comuni e di quelli di maternità dello Stato concessi dall’Inps, in relazione alle nascite avvenute nel 2011 e agli affidamenti preadottivi e alle adozioni il cui ingresso in famiglia sia avvenuto nel 2011. Per quanto riguarda l’assegno di maternità dei Comuni, l’importo è di 316,25 € mensili per complessivi 1.581,25 € e il relativo indicatore della situazione economica (ISE), con riferimento ai nuclei familiari con tre componenti, è pari a 32.967,39 €. Per gli assegni di maternità dello Stato, invece, l’importo è di 1.946,88 €. Nella circolare, inoltre, vengono forniti gli importi giornalieri dei periodi di paga compresi nell’anno 2011, sulla cui base vanno determinate le prestazioni economiche relative alle indennità di malattia, di maternità e di tubercolosi.
http://www.inps.it/portale/default.aspx?sID=%3b0%3b&iMenu=1&NewsId=TUTTI&sURL=%2fcircolari%2fCircolare+numero+69+del+20-04-2011.htm



* Inps - ricorsi

I ricorsi amministrativi dal 26 aprile solo on line o tramite gli intermediari abilitati
    * via Web - la richiesta telematica dei servizi è accessibile direttamente dal cittadino tramite PIN attraverso il portale dell’Istituto, www.inps.it nello spazio riservato ai “Servizi Online”;
    * tramite i patronati e tutti gli intermediari dell’Istituto, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.




* Firmato il decreto che autorizza il concorso per dirigenti scolastici

http://www.innovazionepa.gov.it/media/665585/dpcm_21_apr_2011.pdf
Manca ancora il decreto del Miur.



* Istituti musicali, ora protestano gli Enti Locali

"I presidenti di Anci, Upi e Conferenza delle Regioni hanno chiesto un incontro urgente a Tremonti e Gelmini per la mancata statizzazione degli ex istituti pareggiati, trasformati, in applicazione della Legge n. 508/99, in istituzioni universitarie. Solo che i costi del personale (ora a rischio) sono rimasti a loro carico e nel frattempo sono arrivati forti tagli ai finanziamenti."
L'articolo di Tecnica della scuola: http://www.tecnicadellascuola.it/index.php?id=31759&action=view



* Insegnanti rossi

Una lettera pubblicata sul sito della FlcCgil:
http://www.flcgil.verona.it/contributi/11%2021apr%20carlaGobbetti.htm



* I precari rispondono a Berlusconi: boicottiamo i libri di testo delle sue case editrici

L'articolo di Tecnica della scuola: http://www.tecnicadellascuola.it/index.php?id=31712&action=view




* Calendario scolastico 2011-2012

http://www.gildavenezia.it/riforma/riformadoc/2011/calendario_veneto-2011-12.htm




* Corridoi, illuminazione etc sono importanti

L'impatto dell'ambiente scolastico su apprendimenti e comportamenti Il punto di vista della psicologia ambientale
di Marino Bonaiuto www.cirpa.it
Dal sito dell'ADI: http://ospitiweb.indire.it/adi/SemFeb2011_Atti/5_Bonaiuto/sa11B_frame_dir.htm



* Determinazione soprannumerari organico di diritto

Oggi termina il periodo utile per i DS per comunicare ai docenti di essere perdenti posto nelle scuole di titolarità in base alle graduatorie d'istituto definitive pubblicate il giorno 18.
Gli insegnanti individuati come soprannumerari saranno riammessi nei termini e potranno presentare domanda di trasferimento. Se la domanda di trasferimento è già stata presentata, è possibile presentare nuova domanda, in formato cartaceo, in sostituzione della precedente, ovvero confermare la precedente domanda.
Orizzonte scuola: http://www.orizzontescuola.it/node/15507



* Permessi per le elezioni

Una scheda su Orizzonte scuola: http://www.orizzontescuola.it/node/15537





19 aprile 2011



* Supplenze: Provvedimento sanzionatorio in caso di abbandono

MIUR.AOODRVE.Uff.III/5847/C7 - Venezia,  15 aprile  2011

OGGETTO: Nomine a tempo determinato – Provvedimento sanzionatorio in caso di abbandono del servizio – art. 8 D.M. 131/2007 e art. 7 D.M. 430/2000 – Competenza.

   Questa Direzione ha proposto al MIUR, in data 15.2.2011,  specifico quesito circa il soggetto competente ad accogliere le giustificazioni o, in mancanza di esse, ad emettere il provvedimento sanzionatorio in caso di abbandono del servizio in  corso d’anno da parte di personale con nomina a tempo determinato.
    Al riguardo,  la D.G. per il personale scolastico  si è espressa come sottoriportato:
“……si ritiene che la valutazione sull’applicabilità della sanzione, in caso di abbandono del servizio, spetti al Dirigente Scolastico, in qualità di datore di lavoro e in quanto più vicino a conoscere e accertare l’esistenza di un “giustificato motivo”.
    Le SS.LL.  sono pertanto invitate ad attenersi all’opinione espressa dal MIUR nel caso in cui dovessero assumere decisioni rientranti nella fattispecie indicata.

                            IL VICE DIRETTORE GENERALE   
                              f.to    Roberto Spampinato



* La scuola pubblica garantisce pluralismo e democrazia

Un nuovo attacco del presidente del Consiglio agli insegnanti della scuola pubblica statale

"Ci risiamo: un nuovo attacco del presidente del Consiglio agli insegnanti della scuola pubblica statale, accusati di inculcare valori diversi da quelli desiderati dalle famiglie.

Si tratta di un ribaltamento della realtà: è la scuola privata che, semmai, inculca delle convinzioni in quanto é spesso scuola di tendenza. La democrazia significa pluralismo, cioè confronto tra diverse convinzioni politiche filosofiche o religiose ed è questo che garantisce la scuola pubblica statale.

Il presidente dovrebbe spiegare poi quali siano i "valori" delle famiglie, considerato che in un Paese libero anch´essi sono variabili e diversificati, spesso anche nell´ambito dei componenti di una singola famiglia.

Per fortuna, ognuno è libero di pensare con la propria testa".

Così il coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, Rino Di Meglio, commenta le dichiarazioni di Berlusconi che ieri alla convention organizzata da Michela Brambilla, ha lanciato un altro affondo contro la scuola pubblica statale e i suoi docenti.

Roma, 17 aprile 2011
Ufficio stampa Gilda degli insegnanti
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?idcat=0&plug=motore&area=news&id=1581



* Cassazione: non è reato (in certe situazioni) dare del "ladro" al dirigente

"Purchè l'insulto rivesta i caratteri della critica sindacale e politica. Favero (Anp): "E' un paradosso: dirigenti scolastici che vogliono applicare la legge vengono chiamati in causa, le RSU che usano l'insulto sono tollerate" "
L'articolo di Tecnica della scuola: http://www.tecnicadellascuola.it/index.php?id=31671&action=view



* Proroghe in tema di istruzione

"È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 74 del 31 marzo 2011 il Dpcm 25 marzo 2011 recante “Ulteriore proroga di termini relativa al Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca”."
L'articolo di Tecnica della scuola: http://www.tecnicadellascuola.it/index.php?id=31670&action=view



* Organici

L'analisi della FlcCgil di Verona: http://www.flcgil.verona.it/provincia/organici/2011-12/11%2018apr%20OdDpriVR.htm
e quella della Cisl scuola Verona: http://www.cislscuolavr.it/situazione-organici-scuola-veronese-a-s-20112012/



* Precari verso la soluzione pettine

"Future assunzioni: oltre il 50% ai prof provenienti dal Sud. Un decreto per aggiornare le graduatorie e cambiare la provincia. Ma la Lega Nord è contraria"
di Alessandra Ricciardi ItaliaOggi, 19.4.2011
http://www.gildavenezia.it/docs/Archivio/2011/apr2011/soluzione-pettine.htm



* Tar: Come motivare il 5 in condotta per alunno dislessico

da Tuttoscuola, 18.4.2011
http://www.gildavenezia.it/docs/Archivio/2011/apr2011/dislessico_5condotta.htm



* Sentenze contro i tagli

Tar Lazio - Sentenza n. 3268-2011
Illegittimità dei provvedimenti relativi alla determinazione delle dotazioni organiche del personale docente (D.I. 62-2009 e C.M. 37-2010).
http://www.dirittoscolastico.it/tar_lazio_-_sentenza_n_3268-2011.html
e
Tar Lazio - Sentenza n. 3267-2011
Illegittimità dei regolamenti concernenti il riordino degli istituti tecnici (d.p.r. n. 88/2010) e degli istituti professionali (d.p.r. n. 87/2010).
http://www.dirittoscolastico.it/tar_lazio_-_sentenza_n_3267-2011.html



* Malattia: esclusioni dall'obbligo di reperibilità

Dal sito dell'ANPA
Domanda
Sono previste esclusioni dall'obbligo di reperibilità alla visita fiscale per i dipendenti pubblici in malattia?

Risposta
 Sono esclusi dall’obbligo di rispettare le fasce di reperibilità - precisa l’articolo 2 del decreto del Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’innovazione 18 dicembre 2009, n. 206 – i dipendenti per i quali l’assenza è etiologicamente riconducibile ad una delle seguenti circostanze:
    * patologie gravi che richiedono terapie salvavita;
    * infortuni sul lavoro;
    * malattie per le quali è stata riconosciuta la causa di servizio;
    * stati patologici sottesi o connessi alla situazione di invalidità riconosciuta.
Tuttavia il Dipartimento della Funzione Pubblica con parere del 15 marzo 2010 ha chiarito che nel caso di assenza del dipendente pubblico a causa di gravi patologie, in merito all’obbligatorietà delle visite fiscali, è necessario distinguere il caso in cui l’amministrazione sia già in possesso di tutta la documentazione attestante lo stato di salute del lavoratore ed il caso in cui non ne abbia ancora la disponibilità.
In tale ultimo caso, infatti, vige l’obbligo, per il datore di lavoro, di disporre l’accertamento dello stato di malattia nei confronti dei dipendenti per i quali ricorra una delle circostanze di esenzione dall’obbligo di reperibilità previste dall’art. 2 del suindicato D.M. n. 206 del 18 dicembre 2009.






17 aprile 2011



* Il TG FGU edizione 15 aprile 2011

 REGIA, MONTAGGIO & RIPRESE SUHEL HASSOUN, GIORNALISTA ESTER TREVISAN
Si parla di diritto ai permessi del personale; chi sfrutta la disperazione dei precari; graduatorie e pettine; 29.000 assunzioni di insegnanti; contratti d'istituto
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?id=1577



* Pettine-coda, solo un intervento della politica può dirimere la questione

Urge una soluzione equa e definitiva nel rispetto dei principi di imparzialità e buon funzionamento della pubblica amministrazione

Graduatorie a esaurimento, la Gilda degli Insegnanti insiste: "Serve urgentemente un intervento della politica per trovare una soluzione equa e definitiva nel rispetto dei principi di imparzialità e buon funzionamento della pubblica amministrazione".
A ribadire la necessità di un provvedimento legislativo è il coordinatore nazionale, Rino Di Meglio, in riferimento alla ristrutturazione delle graduatorie a pettine avviata dal ministero dell´Istruzione per inserire circa tremila precari che hanno chiesto l´inserimento nelle liste diverse da quelle di provenienza.
"Da due anni, ormai, assistiamo a continui e clamorosi colpi di scena in merito al contenzioso ´pettine-coda" - afferma Di Meglio - e lo scompiglio finisce sempre nel nulla.
Anche questa volta è stato richiesto, sulla base di vecchie sospensive del Tar, il rifacimento delle graduatorie, per altro oramai in scadenza. Va rilevato, inoltre, che fino a oggi l´organizzazione che ha ottenuto le sospensive non ha mai avuto ragione con una sola sentenza di merito. Ecco perchè - conclude il coordinatore nazionale - è indispensabile un intervento della politica".

Roma, 14 aprile 2011
Ufficio stampa Gilda degli insegnanti
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?idcat=0&plug=motore&area=news&id=1566

L'articolo di Tecnica della scuola: http://www.tecnicadellascuola.it/index.php?id=31637&action=view



* RSU, si vota a marzo 2012

Firmato il protocollo di intesa tra Aran e organizzazioni sindacali

In data 11 aprile 2011, all´Aran è stato sottoscritto il "Protocollo per la definizione del calendario delle votazioni per il rinnovo delle rappresentanze unitarie del personale dei comparti - RSU - tempistica delle procedure elettorali".
Ha preso alla fine definizione un percorso che, al fine di offrire adeguate garanzie di trasparenza, prevede tra l´altro la modifica del regolamento elettorale e la conclusione del negoziato per l´individuazione dei nuovi comparti di contrattazione.
Sono state conseguentemente fissate le date delle elezioni per il rinnovo: 5, 6 e 7 marzo 2012. Entro dicembre di quest´anno di definiranno i nuovi comparti ed entro l´8 febbraio 2012 dovranno essere presentate le liste.
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?idcat=0&plug=motore&area=news&id=1573



* Formazione in ingresso e CLIL

Resoconto dell´informativa al Miur - come al solito pochi i soldi disponibili

Mercoledì 13 aprile, in un breve incontro al MIUR ci è stata data l´informativa relativa a:
1) formazione in ingresso per il personale docente ed educativo per l´ a.s. 2010/11;
2) piano di formazione CLIL.
Il resoconto completo: http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?idcat=0&plug=motore&area=news&id=1576



* Il reality sulla scuola? Un "gratta e vinci" sulla miseria

Si cavalca indegnamente la disperazione dei docenti precari

"Oltre a essere un mezzo di intrattenimento, un tempo la tv rappresentava anche uno strumento utile per combattere l´analfabetismo. Un esempio famoso è il programma ‘Non è mai troppo tardi´ condotto dal maestro Alberto Manzi. Oggi, invece, la televisione vuole mandare in onda trasmissioni che assomigliano a un ‘gratta e vinci´ e che cavalcano indegnamente la disperazione dei docenti precari. Tutto ciò ci lascia sgomenti: se questo è il progresso a cui spingono i media, la situazione è davvero drammatica".
Così la Gilda egli Insegnanti commenta il progetto del reality game sulla scuola, con insegnanti precari ancora senza cattedra a insegnare e a interrogare personaggi noti, che dovrebbe essere trasmesso da Canale 5.
"Sarebbe interessante - aggiunge la Gilda - conoscere in merito il parere del ministro Gelmini. Attendiamo, dunque, un suo ‘illuminato´ commento".

Roma, 12 aprile 2011
Ufficio stampa Gilda degli insegnanti
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?idcat=0&plug=motore&area=news&id=1560

Tecnica della scuola: Salta il reality di Canale 5 sui precari
"I motivi ufficiali della cancellazione dello show ancora non si conoscono, ma sulla scelta presa dallo staff di Mediaset deve aver inciso non poco l’indignazione delle associazioni dei precari."
http://www.tecnicadellascuola.it/index.php?id=31640&action=view



* Chiedetelo alla Gilda

A cura di Gina Spadaccino

- Assistenza ad affine ed individuazione soprannumerari
"Sono docente vedova, unica persona in grado di assistere mia suocera, anche lei vedova, in condizione di handicap grave, non esistendo altri figli in grado di assisterla (l´unico figlio, mio marito, è deceduto). Posso essere individuata come soprannumeraria nella graduatoria d´Istituto?"

Pur nella considerazione della particolare situazione di famiglia, non esistono i presupposti per essere ricompresi nella categoria di personale individuato al punto V dell´art. 7, comma 1 del CCNI ed avente diritto all´esclusione dalla graduatoria dei soprannumerari.
La suocera, per quanto disciplinato dall´art. 78 del codice civile è affine di I grado. Ai sensi del successivo art. 8 del CCNI il personale scolastico affine che intende assistere il familiare ai sensi dell´art. 33, commi 5 e 7, della legge n. 104/92, a decorrere dall´anno scolastico 2000/2001 non è più destinatario di una precedenza nell´ambito delle operazioni di mobilità.
Al fine di realizzare l´assistenza al familiare disabile, il personale interessato parteciperà alle operazioni di utilizzazione e/o di assegnazione provvisoria, usufruendo della precedenza che sarà prevista dal CCNI sulla mobilità annuale.
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?plug=faq&idcat=88&area=faq&id=1567

- Permessi mensili ex legge 104/92: occorre la dichiarazione del disabile?
"Ho fatto richiesta di poter fruire dei tre giorni di permessi mensili per assistere mio padre in condizione di handicap grave. Mia madre ha settant´anni e non è in grado di assisterlo, mio fratello vive e lavora a 1200 km di distanza. La scuola mi ha chiesto di integrare la documentazione presentata allegando anche la dichiarazione di mio padre nella quale viene indicato il familiare (cioè io) che deve prestare l´assistenza prevista dai termini di legge. Domando pertanto se questa dichiarazione sia effettivamente da parte del disabile da assistere un atto dovuto."

La Funzione Pubblica nella circolare n. 13 del 6 dicembre 2010, al punto 7, evidenzia che l´interessato deve presentare una dichiarazione sottoscritta di responsabilità e consapevolezza dalla quale risultino determinate condizioni oggettive e fra queste condizioni non prevede questa dichiarazione di responsabilità da parte del soggetto in situazione di gravità, così come ha invece previsto l´INPS per il privato.

Al riguardo si ritiene che la condizione oggettiva deve essere dimostrata dal familiare che intende fruire dei permessi, colui che per legge e dopo le recenti modifiche si sintetizza nel concetto di " colui che assiste " , requisito strettamente collegato a questo specifico ruolo di chi si assume l´ obbligo di prestare assistenza. Infatti, sempre la stessa circolare al punto 3, nella individuazione del referente unico per ciascun disabile, evidenzia che si tratta del soggetto che assume "il ruolo e la connessa responsabilità di porsi quale punto di riferimento della gestione generale dell´intervento, assicurandone il coordinamento e curando la costante verifica della rispondenza ai bisogni dell´assistito.

Ciò premesso, anche le istanze presentate da altri pubblici dipendenti alla amministrazione di appartenenza, si sono limitate a recepire le direttive della Funzione Pubblica e/o della stessa amministrazione ma non quelle dettate dall´INPS per il privato.
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?plug=faq&idcat=88&area=faq&id=1568

- Formazione ASPP fuori orario di servizio: va retribuita?

"Il dirigente scolastico mi ha individuato per seguire un corso di formazione ASPP di 54 ore in una sede distante 50 km, annotando semplicemente nella comunicazione che la frequenza è obbligatoria. Il corso si articolerà in 10 incontri pomeridiani di 5 o 6 ore ciascuno e si concluderà all´inizio di giugno. Si tratta di un "obbligo" previsto dalle norme contrattuali vigenti? E non è dovuto alcun compenso?"

Nel quesito si allude evidentemente alla "Formazione Specifica" riservata al RSPP, agli ASPP e alle "figure sensibili", prevista dall´art. 37, comma 9, D.Lgs. 81/08 identificabile come "formazione aggiuntiva" rispetto alla formazione di base.

L´attività in oggetto disposta per il docente va retribuita come attività aggiuntiva in virtù di quanto disposto dall´art. 37, comma 12, D.Lgs. 81/08, che recita: "12. La formazione dei lavoratori e quella dei loro rappresentanti deve avvenire (...) durante l´orario di lavoro e non può comportare oneri economici a carico dei lavoratori."
Il CCNL, d´altro canto, all´art. 64, comma. 2, recita che "le iniziative formative, ordinariamente, si svolgono fuori dell´orario di insegnamento".
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?plug=faq&idcat=88&area=faq&id=1569

- Festività unità d’Italia e riadattamento del calendario scolastico

"Il dirigente scolastico del mio istituto di istruzione superiore (provincia di Monza) sostiene che occorre ridefinire il calendario scolastico poiché essendo stata decretata la festività del 17 marzo 2011 questo non raggiunge i 200 giorni. La scuola è veramente obbligata a modificare il calendario predisposto?"

Il Decreto Legge 22 febbraio 2011 n. 5 ha stabilito il carattere festivo del 17 marzo 2011, al pari di quelli disposti dalla legge 27 maggio 1949, n. 260, artt. 2 e 4 "agli effetti della osservanza del completo orario festivo e del divieto di compiere determinati atti giuridici", con conseguente chiusura delle scuole. La circostanza è stata chiarita anche nella nota ministeriale n. 547 del 10/03/2011.
Tale giorno quest´anno va pertanto ad aggiungersi alle festività previste dall´art. 5 dell´OM n. 53 del 25/06/2010, fatti propri dai calendari scolastici delle singole regioni italiane.

In particolare la Regione Lombardia con delibera n. 11554 del 31/03/2010, al punto 4 ha previsto di "demandare alle istituzioni scolastiche l´articolazione dell´attività didattica, nel rispetto del monte ore annuale previsto per le singole discipline e attività obbligatorie".
La delibera fa riferimento all´art. 5, comma 3 del DPR 275/99 che prevede: "L´orario complessivo del curricolo e quello destinato alle singole discipline e attività sono organizzati in modo flessibile, anche sulla base di una programmazione plurisettimanale, fermi restando l´articolazione delle lezioni in non meno di cinque giorni settimanali e il rispetto del monte ore annuale, pluriennale o di ciclo previsto per le singole discipline e attività obbligatorie".

Pertanto se la festa del 17 marzo non ha inciso sul monte orario annuale complessivo da assicurare agli studenti previsto per le singole discipline e attività obbligatorie, si ritiene che non sussistano per la scuola oneri di recupero della giornata festiva.
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?plug=faq&idcat=88&area=faq&id=1570

- Il titolo triennale di abilitazione alla vigilanza scolastica è valutabile nella mobilità?

"Si chiede di sapere se il titolo triennale di abilitazione alla vigilanza scolastica, rilasciato nel 1984 dall´Università degli studi di Cassino facoltà di Magistero, rientra fra i titoli valutabili previsti relativamente alla mobilità del personale docente."

La nota n. 11 correlata alla tabella A, all.D parte III del CCNI 2011-2012 chiarisce che, per ogni diploma universitario oltre al titolo di studio necessario per l´accesso al ruolo, "vanno riconosciuti oltre ai corsi previsti dagli statuti delle università (art.6 L.341/90), ....anche i corsi previsti dalla L. 341/90 art. 8 e realizzati dalle università attraverso i propri consorzi ...".

Dalla lettura della legge del 19.11.1990, n.341, inerente la riforma dell´ordinamento universitario, si ritiene che il diploma di vigilanza scolastica (di ex ordinamento nelle facoltà di Magistero) possa essere considerato alla stessa stregua del diploma universitario di cui all´art. 2 di detta legge, essendo il corso comunque appartenente all´ordinamento di detta Facoltà ed organizzato nell´ambito del rispettivo ordinamento.
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?plug=faq&idcat=88&area=faq&id=1571



* Diritto allo studio degli alunni disabili. L´avvocato De Grandis a «Fuori tg»

Il diritto allo studio degli alunni disabili è sempre più a rischio, causa tagli alla scuola pubblica.

Diritto allo studio degli alunni disabili. L´avvocato De Grandis a «Fuori tg» venerdì 15 aprile 2011
Pochi insegnanti di sostegno, poche ore finanziate, classi troppo affollate. Il diritto allo studio degli alunni disabili è sempre più a rischio, causa tagli alla scuola pubblica. E sempre più famiglie ricorrono alle vie legali per permettere ai propri figli con handicap di frequentare le lezioni come tutti gli altri studenti.
Questo il tema della puntata di "Fuori tg", lo spazio di approfondimento del Tg3 a cura di Massimo Angius e Paola Sensini, andato in onda venerdì 15 aprile alle 12.25 su Rai 3.
Intervistato l´avv. Tommaso De Grandis, legale della Federazione Gilda Unams
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?idcat=0&plug=motore&area=news&id=1578



*  “La valutazione dei docenti: analisi, modelli, proposte”

A Palermo, percorso di riflessione della nuova Direzione

“La valutazione dei docenti: analisi, modelli, proposte” giovedì 14 aprile 2011
"La valutazione dei docenti: analisi, modelli, proposte": questo l´argomento dell´assemblea-convegno, organizzata dalla Gilda degli insegnanti di Palermo, che si è tenuta l´8 aprile 2011 presso l´hotel Addaura.
La registrazione dell'assemblea: http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?idcat=0&plug=motore&area=news&id=1572



* Scuola, Miur: nel 2011 685 milioni in più per le scuole statali

774 milioni per il fondo di funzionamento: l'aumento maggiore da 4 anni, 230 milioni per pagare i debiti delle scuole statali
Per adesso è solo un comunicato stampa del Miur: http://www.istruzione.it/web/ministero/cs150411



* Approvazione conto consuntivo istituzioni scolastiche

Termine spostato al 31 maggio:
http://www.istruzione.it/alfresco/d/d/workspace/SpacesStore/4d64cfa9-b8b1-4527-82eb-7197f2cede8c/prot2691_11.pdf



* Conferma incarichi di presidenza

Circolare 30 del 13 aprile: http://www.istruzione.it/web/istruzione/prot3277_11



* Ricorsi contratti precari: due sentenze in controtendenza

Tribunale di Terni - Sentenza n. 152-2010
Reiterazione di contratti di lavoro a tempo determinato - assenza degli elementi di fatto indispensabili per poter valutare la fondatezza della domanda - nullità del ricorso.
http://www.dirittoscolastico.it/tribunale_di_terni_-_sentenza_n_152-2010.html
e la
Corte d'Appello di Perugia - Sentenza n. 524-2010
Reiterazione di contratti di lavoro a tempo determinato – diritto alla conversione ed al risarcimento danni - non sussiste.
http://www.dirittoscolastico.it/corte_dappello_di_perugia_-_sentenza_n_524-2010.html



* Congedo obbligatorio in caso di parto prematuro

"Per la Corte Costituzionale illegittimo non consentire che la lavoratrice madre possa fruire del congedo obbligatorio che le spetta, o di parte di esso, a far tempo dalla data d’ingresso del bambino nella casa familiare."
Sentenza n. 116 del 7 aprile 2011. L'articolo di Tecnica della scuola: http://www.tecnicadellascuola.it/index.php?id=31634&action=view



* “Cercansi insegnanti”

"E' il cartello apparso qualche giorno fa all’entrata di una primaria vicino Pavia. Non è un caso isolato: sono sempre più frequenti le situazioni di graduatorie esaurite. E gli istituti non riescono a sopperire con quelle d’istituto. Il motivo? L’assenza decennale di concorsi e il dimezzamento del numero di scuole dove candidarsi."
Tecnica della scuola: http://www.tecnicadellascuola.it/index.php?id=31631&action=view




* Errare humanum est, perseverare diabolicum

Libri di testo troppo comunisti, per il Pdl è una vergogna: presentato un ddl
"Libri di testo troppo comunisti, per il Pdl è una vergogna: presentato un ddl
Una ventina di deputati, capitanati dall’ex presentatrice Gabriella Carlucci, chiedono alla Camera di istituire una Commissione di inchiesta: alcuni insegnanti adotterebbero testi a sostegno del centrosinistra per plagiare i giovani"
http://www.tecnicadellascuola.it/index.php?id=31566&action=view
Nuovo "attacco" del premier contro i docenti che "inculcano" ideologie e valori contrari a quelli delle famiglie ":
http://www.tecnicadellascuola.it/index.php?id=31645&action=view



* Sentenza Tar: sconfitta del Ministero, ma i tagli restano

"I tagli ormai sono stati fatti e non si torna indietro. Chi ha subito danni potrebbe fare una causa civile, ma il Ministero potrebbe sanare la questione e chiedere l'intervento delle Commissioni parlamentari."
L'articolo di Tecnica della scuola: http://www.tecnicadellascuola.it/index.php?id=31643&action=view



* Inps: Domanda di disoccupazione e mobilità online. Ora si può chiedere anche l’assegno per il nucleo familiare

La modalità di presentazione tramite web delle domande di disoccupazione e di mobilità da parte del cittadino è stata implementata con una funzione relativa alla richiesta dell’assegno per il nucleo familiare, per consentirne la liquidazione contestualmente all’indennità. Pertanto, il cittadino che presenta la domanda di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti normali e di mobilità ordinaria tramite la procedura web può, dopo aver completato la domanda, inserire in appositi pannelli tutti gli elementi necessari per il calcolo dell’assegno per il nucleo familiare, che sarà così pagato insieme alle indennità.
La circolare n. 66 del 12 aprile 2011



* Che fine ha fatto il federalismo scolastico?

Il dibattito sul fisco regionale è stata un’altra occasione persa: intervento di Andrea Gavosto sul Sole 24 Ore
http://www.fga.it/home/i-documenti/articoli/dettaglio-documento/article/che-fine-ha-fatto-il-federalismo-scolastico-286.html



* Germania: la GEW contro il diabolico matrimonio della Scuola con l’Economia

di Piero Morpurgo, dalla Gilda degli insegnanti di Vicenza, 14.4.2011
http://www.gildavenezia.it/docs/Archivio/2011/apr2011/gew.htm




* Invalsi sì o no?

L'articolo sul sito Sam Notizie: http://www.samnotizie.it/news.php?extend.78



* Scuola: ambiente a rischio?

Un’insegnante in stato di gravidanza può ritenersi in una situazione a rischio lavorando nell’ambiente scolastico?
http://www.samnotizie.it/news.php?extend.77



* Edilizia scolastica: di Christian Kühn

Vienna University of Technology
Dal convegno dell'ADI: http://ospitiweb.indire.it/adi/SemFeb2011_Atti/4_Kuhn/sa11K_frame_dir.htm





10 aprile 2011


* Precari, Gilda rilancia la proposta dello scivolo pensionistico

Si potrebbe partire con la riforma del reclutamento evitando di creare nuovo precariato
scivolo pensionistico
"Nonostante il caos totale che domina la questione delle graduatorie e l´approssimarsi del termine di scadenza per presentare le richieste di aggiornamento, il ministero dell´Istruzione non ha ancora adottato alcun provvedimento. L´inerzia di viale Trastevere non fa che peggiorare la situazione e alimenta un vero e proprio stato di emergenza".

A lanciare l´allarme è il coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, Rino Di Meglio, secondo il quale l´intervento del commissario ad acta, che ha tirato nuovamente in ballo sentenze vecchie di un anno, complica ulteriormente il quadro, "perché - spiega - non tiene conto del pronunciamento con cui la Corte Costituzionale ha abolito le code. Intanto, si consuma una guerra fra poveri, con il timore che il Parlamento intervenga troppo tardi".

"Il Governo, sul quale incombono decine di migliaia di ricorsi avanzati dai precari, - prosegue il coordinatore nazionale - dovrebbe capire che la stabilizzazione dei precari costerebbe di meno rispetto al pagamento dei risarcimenti. A questo punto, per scongiurare un imminente terremoto - afferma Di Meglio - rilanciamo la nostra proposta, presentata più di un anno fa e accolta dal Senato, di introdurre lo scivolo pensionistico che consentirebbe di stabilizzare in un colpo solo circa 100mila precari. Così finalmente si potrebbe partire con la riforma del reclutamento evitando di creare nuovo precariato".

Roma, 8 aprile 2011
Ufficio stampa Gilda degli Insegnanti
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?idcat=0&plug=motore&area=news&id=1558

La posizione della Cgil sulla questione precari: http://www.flcgil.verona.it/nazionale/precari/documento-flc-cgil-reclutamento-e-precariato-nella-scuola-statale-aprile-2011.pdf

e quella della Cisl: http://www.orizzontescuola.it/node/15101



* Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie, prosegue la trattativa al Miur

Resoconto dell´incontro di martedì 5 aprile

Si è svolto martedì 5 aprile c.a. il previsto incontro finalizzato alla sottoscrizione dell´ ipotesi di CCNI concernente le utilizzazioni e le assegnazioni provvisorie per il prossimo anno scolastico.
Prima dell´esame degli articoli del Contratto stipulato per il corrente anno scolastico nel luglio 2010, la dott.ssa Palermo ha informato le OO.SS. che - mediante una comunicazione del gestore del Sistema Informativo - sono stati differiti al 13 aprile i termini per l´acquisizione al sistema delle disponibilità e delle domande di soprannumerarietà relative alla scuola primaria, senza dover incidere sulle date riguardanti i movimenti degli altri settori dell´istruzione.
Le OO.SS. sindacali, essendo stata accertata la mancata stampa da parte dei docenti interessati alla mobilità on line di quanto acquisito al sistema, hanno chiesto alla dott.ssa Palermo di verificare la riapertura della funzione da parte del gestore al solo fine di riprodurre la modulistica e gli allegati precedentemente compilati.
[...]
Il prossimo incontro del 12 aprile sarà dedicato al personale ata.
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?idcat=0&plug=motore&area=news&id=1559



* Il TG FGU edizione 8 aprile 2011

REGIA, MONTAGGIO & RIPRESE SUHEL HASSOUN, GIORNALISTA ESTER TREVISAN
Si parla di diplomi falsi; precariato, graduatorie e ricorsi; contrattazione d'istituto e derecto brunetta.
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?id=1557




* Personale ATA: Accordo per l'attribuzione della prima e seconda posizione economica

In data 6 aprile 2011 è proseguito, come programmato, al MIUR il confronto tra i rappresentanti dell'amministrazione e le Organizzazioni Sindacali CGIL, CISL, UIL, SNALS e GILDA/UNAMS, sindacati rappresentativi del comparto Scuola, sull'ipotesi di accordo nazionale concernente l'attuazione a regime dell'art.2, comma 3, della sequenza contrattuale (ex art.62 ccnl/2007) sottoscritta il 25 luglio 2008.
Il confronto proseguirà il prossimo 12 aprile 2011. [...]
Il resoconto completo



* Mobilità del personale docente di religione cattolica per l'a.s. 2011/2012.

http://www.istruzione.it/web/istruzione/prot3080_11
L'articolo di Tecnica della scuola: http://www.tecnicadellascuola.it/index.php?id=31526&action=view



* USR – Pubblicazione Documento Programmatico della Sicurezza

DPS del 30 marzo 2011: http://www.istruzioneveneto.it/wpusr/archives/8575
Utile anche come esempio per i documenti sulla sicurezza dei dati e privacy e per capire la struttura dell'USR.



* Il danno all’immagine della pubblica amministrazione

Nota a sentenza 09.04.11 - Il danno all’immagine della pubblica amministrazione va risarcito anche in ipotesi di reato comune commesso da pubblici dipendenti Nota a Corte dei Conti - Sezione giurisdizionale per la Toscana, Sentenza 18 marzo 2011, n. 90
Dott.ssa Nadia Laface.  http://www.filodiritto.com/index.php?azione=visualizza&iddoc=2283



* Valutazione sistema scolastico

Il rapporto del Comitato di valutazione del Trentino
http://www.vivoscuola.it/web/guest/comitatovalutazione/rapporto2010



* Contributo Regionale “Buono-Scuola” - Veneto

Dalla metà di aprile 2011 inizieranno i pagamenti del contributo “Buono-Scuola”relativo all’anno 2009-2010.
Si cominceranno a pagare:
    * tutti i beneficiari relativi agli studenti disabili, in considerazione della particolare situazione di disagio; per ragioni di riservatezza i nominativi e gli importi non potranno essere pubblicati;
    * un primo gruppo di beneficiari relativi a studenti normodotati, selezionati informaticamente con metodo casuale, in considerazione delle risorse attualmente disponibili; i nominativi e gli importi sono consultabili nel presente elenco;
Man mano che si renderanno disponibili altre risorse, si procederà al pagamento dei restanti beneficiari.
http://www.regione.veneto.it/Servizi+alla+Persona/Istruzione+e+Diritto+allo+Studio/



* Chiedere contributi ai genitori è di sinistra?

Due articoli di Tecnica della scuola sulla polemica Gelmini-Presidi
http://www.tecnicadellascuola.it/index.php?id=31515&action=view
http://www.tecnicadellascuola.it/index.php?id=31534&action=view



*Permessi retribuiti ex art.15 CCNL 2006/09 (I 3 più 6 giorni di permesso)

La risposta dell'ARAN alle richieste FGU
"La fruizione dei permessi in parola è un diritto del dipendente e come tale non può giammai essere subordinato al potere discrezionale della P. A. Tale principio è relazionato alla gestione di un rapporto di lavoro che non risulta più subordinato ad un potere potestativo della P.A., ma essendo ormai regolato da contratto individuale di lavoro di natura privatistica , il lavoratore e la P.A. soggiacciono, ormai sullo stesso piano, in maniera paritaria (T.U. D.lgs 165/01)."
In caso di difficoltà nell'ottenere i permessi contattate la Gilda.
http://www.orizzontescuola.it/node/15073



* Cessione del quinto dello stipendio o della pensione.

Qualche avvertenza da Banca d'Italia:
http://www.bancaditalia.it/vigilanza/banche/comunicati/2011-com-cess-quinto.pdf





6 aprile 2011



* Candidati esterni agli esami di idoneità e di licenza nel primo ciclo di istruzione - anno scolastico 2010/2011

C.M. n. 27 MIURAOODGOS prot. N 2368 /R.U./U  del  5 aprile 2011
http://www.istruzione.it/alfresco/d/d/workspace/SpacesStore/5dfe06c9-90ee-4497-994f-3da6356444f2/cm27_11.pdf



* Commercio e turismo, stipendi meno tassati, e la scuola?

Da www.infoverona.it: http://infoverona.it/news/index.php?option=com_content&task=view&id=15433&Itemid=2

Stipendi meno tassati, e quindi più congrui, per i lavoratori veronesi del commercio e del turismo: questo per effetto dell’accordo territoriale siglato nei giorni scorsi  tra Confcommercio Imprese per l'Italia di Verona e sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil che recepisce quanto previsto dal Decreto legge n.78/2010 - convertito nella legge 122/2010 - e dalla legge 220/2010, prevedendo per alcune voci della busta paga l'applicazione di un’imposta sostitutiva ridotta del 10% a fronte dell’aliquota media del 23%.
A beneficiarne, fino a dicembre 2011, saranno i lavoratori delle aziende veronesi  del terziario di mercato e del turismo (negozi, pubblici esercizi, alberghi, agenzie di viaggio),  i cui redditi non superino i 40 mila euro annuali per un massimo detassabile di 6 mila euro; le voci interessate dall’intesa (siglata da tutti e tre i sindacati, a differenza del contratto nazionale del terziario) sono premi di produttività e rendimento, lavoro straordinario,  lavoro domenicale e negli altri giorni festivi,  lavoro supplementare per i contratti a tempo parziale, compensi per clausole elastiche e flessibili, lavoro a turno, pagamento di permessi non goduti e ogni altro elemento rilevante ai fini del miglioramento della produttività, competitività e innovazione aziendale.
Soddisfatta Confcommercio Verona: “in questa fase di persistente crisi economica, l’intesa aumenterà sensibilmente il reddito dei circa 36 mila veronesi impegnati in questi strategici settori e ci auguriamo possa contribuire a ridare slancio ai consumi”.



* Formazione docenti neoassunti – a.s. 2010/2011

Il 5 aprile è stata trasmessa alle scuole statali la nota  U.S.T.  n. 4558 C 12 a  del 4 aprile 2011 con allegati: elenco docenti in formazione e costituzione corsi parte specifica.
La data di inizio degli incontri sarà comunicata ai corsisti, tramite la scuola di servizio, dai Direttori dei corsi.
http://lnx.istruzioneverona.it/uspvr/?p=7441




* Criteri e modalità di utilizzazione ed organizzazione del personale - obbligo di contrattazione - sussistenza.

Tribunale di Bologna – Decreto del 21-03-11
"Le materie indicate nelle lettere (h) (i) ed (m) dell'articolo 6 comma 2° del vigente C.C.N.L. Comparto Scuola, che la norma rinvia alla contrattazione d'istituto, non rientrano, nella loro esplicita formulazione, negli ambiti che l'articolo 54 del D.lgs. n. 150/2009 vieta esplicitamente alla contrattazione collettiva.
Si tratta in particolare di materie di confine tra l'ambito della concreta organizzazione del lavoro, ambito escluso dalla contrattazione, e l'ambito dell'effetto che le scelte organizzative esercitano sulle condizioni di lavoro degli addetti, ambito che invece è compreso nella contrattazione collettiva.
Pertanto la trattativa sui criteri e le modalità indicate nelle lettere (h), (i) ed (m) dell'articolo 6 comma 2° del vigente C.C.N.L. Comparto Scuola non interferisce con le decisioni organizzative e di gestione di pertinenza del dirigente scolastico, che sono a valle degli stessi, bensì ne esplicita la trasparenza ai fini della concreta attuazione dei principi di legalità, imparzialità e buona amministrazione, che sono posti da norme aventi rango di fonte superiore."
http://www.dirittoscolastico.it/tribunale_di_bologna__decreto_del_21-03-11.html

h) modalità di utilizzazione del personale docente in rapporto al piano dell’offerta formativa e al piano delle attività e modalità di utilizzazione del personale ATA in relazione al relativo piano delle attività formulato dal DSGA, sentito il personale medesimo;
i) criteri riguardanti le assegnazioni del personale docente, educativo ed ATA alle sezioni staccate e ai plessi, ricadute sull'organizzazione del lavoro e del servizio derivanti dall'intensificazione delle prestazioni legate alla definizione dell’unità didattica. Ritorni pomeridiani;
m) criteri e modalità relativi alla organizzazione del lavoro e all’articolazione dell’orario del personale docente, educativo ed ATA, nonché i criteri per l’individuazione del personale docente, educativo ed ATA da utilizzare nelle attività retribuite con il fondo di istituto;

Ma Brunetta insiste, Circolare 7/2011: http://www.innovazionepa.gov.it/media/655305/lettera_circolare_7-2011.pdf



* La PA su Internet: le regole del Garante per rispettare la privacy di cittadini e dipendenti


"Il Garante per la protezione dei dati personali ha fissato le regole in base alle quali le pubbliche amministrazioni possono diffondere on line atti e documenti amministrativi contenenti dati personali senza ledere la riservatezza di cittadini e dipendenti e rispettare i principi stabiliti dalla normativa sulla privacy.
Le "Linee guida" appena varate dall'Autorità definiscono infatti un primo quadro unitario di misure e accorgimenti che la P.a. deve adottare sia nel caso che la pubblicazione on line sia effettuata a fini di trasparenza dell'attività amministrativa, di pubblicità degli atti o di consultazione da parte di singoli soggetti."
Queste in sintesi le principali indicazioni contenute nelle Linee guida.
- Le amministrazioni pubbliche possono mettere in rete atti o documenti contenenti dati personali solo sulla base di una norma di legge e di regolamento che lo preveda e devono rispettare i principi di necessità, proporzionalità e pertinenza. Rimane fermo il generale divieto di diffondere dati sulla salute.
- Contro i rischi di cancellazioni, modifiche, estrapolazioni delle informazioni presenti on line devono essere adottate adeguate misure tecnologiche.
- La reperibilità dei documenti deve essere, se possibile, assicurata attraverso motori di ricerca interni al sito della singola amministrazione e limitando l'indicizzazione dei documenti da parte dei motori di ricerca esterni. L'uso di motori di ricerca interni consente infatti di garantire un accesso coerente con la finalità per la quale i dati sono stati resi pubblici ed evita il rischio di manipolazione e di "decontestualizzazione" dei dati, cioè la estrapolazione arbitraria che rende incontrollabile il loro uso.
- I dati devono comunque rimanere disponibili soltanto per il tempo previsto dalle norme di settore. In mancanza di queste, le pubbliche amministrazioni devono individuare congrui limiti temporali oltre i quali i documenti devono essere rimossi.
- Infine, contro i rischi di riproduzione e riutilizzo dei file contenenti dati personali, devono essere installati software e sistemi di alert che consentono di riconoscere e segnalare accessi anomali al fine di mettere in atto adeguate contromisure.
http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?ID=1802346



* Concorso per 2.386 presidi: il bando a giugno e prova pre-selettiva il 15 settembre

Concorso per 2.386 presidi:
bando a giugno e prova pre-selettiva il 15 settembre
domande entro il 1° luglio; le verifiche scritte si svolgeranno il 30 ottobre; la correzione dei testi si completerà entro il 20 febbraio e gli orali al massimo per il 20 maggio del prossimo anno. Le nomine dal 1° settembre 2012.
L'articolo di Tecnica della scuola: http://www.tecnicadellascuola.it/index.php?id=31494&action=view



* Precari: Brunetta obbliga insegnanti e Ata a fornirsi di Pec

"Il Ministro annuncia che dal 2012 la posta elettronica certificata sarà indispensabile: diventerà l’unico canale per accedere alle comunicazioni sull'assegnazione delle supplenze. La prossima settimana una conferenza stampa col collega Gelmini sui nuovi servizi."
L'articolo di Tecnica della scuola: http://www.tecnicadellascuola.it/index.php?id=31489&action=view



* Invalsi si o no? Istruzioni per l’uso

Cosa sono e come comportarsi per evitare lavoro aggiuntivo gratuito (volantino e moduli a cura della Gilda di Venezia)
http://www.gildavenezia.it/riforma/riformadoc/2011/Invalsi_si-no.pdf



* Organico di diritto personale docente

Nota USR Veneto n. 5255 del 4.4.2011.
C.M. n. 21 del 14.3.2011 –  Organico di diritto personale docente a.s. 2011/2012 Indicazioni operative.
http://www.gildavenezia.it/csa/documenti/2011/circ_USR_OD_2011-12.pdf
"Si comunica che per mero errore materiale a pag 7 della nota USR prot. n. 5255 del 4 aprile u.s.,  (INDICAZIONI OPERATIVE DEFINIZIONE ORGANICO DI DIRITTO 2011/12)  al paragrafo ISTRUZIONE SECONDARIA DI II GRADO, in corrispondenza delle classi terze degli istituti professionali sono riportate 34 anziché 32 ore settimanali. L’orario settimanale corretto delle classi terze degli Istituti professionali per l’a.s. 2011/12 ammonta infatti a 32 ore  settimanali."



* Tabelle di corrispondenza tra Laurea Magistrale e Laurea Specialistica

Dalla Gilda di Venezia: http://www.gildavenezia.it/precari/precaridoc/2011/tabelle_corrispondenza.htm



* Tagli in arrivo: errata corrige

In sintesi le previsioni di tagli negli organici della primaria per il prossimo anno.
BL: -47, PD: -122 (anziché -11), RO: - 35, TV: -157, VE: -147, VR: -145, VI: -178.



* Mobilità: Calcolo punteggio

Modello per il calcolo a cura di Gilda Bologna e Gilda Vercelli:
http://www.gildavenezia.it/normativa/mobilita/mobilita_2011-12/soprannumerari_2011-12.pdf
e una scheda a cura della Gilda di Napoli: http://www.gildavenezia.it/normativa/mobilita/mobilita_2011-12/soprannumerari2011.pdf



* Le nuove pensioni dal 2011

a cura di Luigi Rosa Teio, dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, aprile 2011
http://www.gildavenezia.it/normativa/pensioni/2011/nuone_pensioni2011.htm
e una guida al nuovo TFR/TFS: http://www.gildavenezia.it/normativa/pensioni/2011/guida-nuovo_TFS_2010ter.pdf



* Importanti modifiche per la tutela dell'handicap

a cura di Luigi Rosa Teio, dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, aprile 2011
http://www.gildavenezia.it/sostegno/sostegno_doc/modifiche_tutela.htm






1 aprile 2011

* Prove Invalsi, docenti ridotti a burocrati

Gilda, metodo meccanico e tecnico, estraneo a quello utilizzato dai docenti nella valutazione dei loro alunni

E´ critico il giudizio espresso dalla Gilda degli Insegnanti sui test Invalsi che il ministero dell´istruzione ha esteso a tutte le scuole di ogni ordine e grado.
In una mozione approvata durante l´assemblea nazionale che si è svolta a Roma il 26 e 27 c.a. la Gilda spiega i motivi della sua posizione.
"La somministrazione di questi test", si legge nel documento approvato, "verrà operata utilizzando i docenti come semplici impiegati e operatori delegati da Invalsi, senza che alcuna norma contrattale lo preveda e senza alcun riconoscimento economico per l´attività accessoria".
La Gilda invita dunque tutti gli insegnanti a rifiutare il lavoro di valutazione dei test, che spetta a chi li ha predisposti, e a chiedere il pagamento delle eventuali prestazioni accessorie nei casi in cui nei casi in cui i dirigenti provvedano con ordine di servizio ad obblighi non previsti da alcuna norma contrattuale.
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?idcat=0&plug=motore&area=news&id=1553
Alla pagina nazionale anche il testo della mozione.



* "Premialità e qualità, un´equazione possibile?"

Gilda degli insegnanti di Bari, 5 aprile 2011, convegno provinciale sul tema
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?idcat=0&plug=motore&area=news&id=1551




* Gilda, via a due proposte di Legge

Area di Contrattazione specifica dei Docenti e Consiglio superiore della Docenza

Il Coordinatore nazionale della Gilda degli insegnanti, Rino Di Meglio, di fronte ai delegati riuniti a Roma in assemblea nazionale il 26 e 27 marzo 2011 ha introdotto il tema del meritocrazia, introdotta nella P.A. dal Dlg 150/´09 (c.d Brunetta) e applicata anche nella scuola, per ora in maniera sperimentale, da due progetti del Ministro Gelmini.

Il coordinatore ha ribadito i punti pericolosi di un modello meritocratico che riconduca i docenti a figure esecutive, a scapito del riconoscimento della funzione istituzionale del docente, riconosciuta dalla Costituzione. Per questo, Di Meglio ha rilanciato le proposte - storiche e peculiari della Gilda - di un´ area di Contrattazione specifica dei Docenti e del Consiglio superiore della Docenza, strumenti ancora validi ed essenziali per il rilancio dell´istruzione pubblica, da tradurre in due proposte di Legge, per le quali raccogliere firme nelle scuole.

L´intervento di Rino Di meglio in un video
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?idcat=0&plug=motore&area=news&id=1537



* Precari, il tribunale condanna il Miur al risarcimento danni

Quantificata in 73.500 euro la somma da corripondere ai docenti di Alba e Bra

Nella giornata di lunedì, 28 marzo 2011, presso il Tribunale del Lavoro di Alba, si è conclusa la prima sentenza della provincia di Cuneo per il ricorso giurisdizionale, patrocinato dalla Gilda degli insegnanti di Cuneo, e condotto dal legale Avv. Maria Grazia Galliano dello studio Galliano-Rosso di Alba, a favore dei docenti precari che da anni lavorano nel mondo della scuola.
Il ricorso riguarda 6 docenti, appartenenti al gruppo dei "precari storici" che lavorano in scuole superiori si Alba e Bra.

Il Giudice del Tribunale di Alba, aveva già dichiarato l´illegittimità del comportamento del Ministero dell´Istruzione, nel continuare ad assumere per più anni lo stesso docente senza che il rapporto di lavoro si trasformi da tempo determinato a tempo indeterminato, e nel discriminare il lavoro a tempo determinato, non consentendo ai docenti né la regolare progressione stipendiale né - nella maggior parte dei casi - la copertura economica dei mesi di luglio e agosto di ciascun anno.
L´udienza di ieri pertanto, avevo il solo scopo di definire la cifra che il Ministero avrebbe dovuto corrispondere ai singoli ricorrenti a titolo di risarcimento danni.

Si tratta di una cifra complessiva pari a 66.206,96 € che, aggiunte alle spese legali di 7.384,38 € - che il giudice ha posto totalmente a carico del Ministero - danno una somma di denaro abbastanza cospicua che il Miur dovrà versare ai ricorrenti.
Consideriamo poi che questa sentenza riguarda solo i primi 6 ricorrenti a fronte di un centinaio di precari che si sono rivolti alla Gilda degli Insegnanti di Cuneo, il che rende l´idea delle cifre in gioco e dovrebbe indurre il Ministero a prendere atto che le normative comunitarie impongono una politica del personale scolastico che ponga termine a tutte quelle discriminazioni contrattuali che, finora, rendevano conveniente allo Stato assumere precari piuttosto che procedere alla loro stabilizzazione.

Siamo convinti che questo tipo di sentenze contribuiscono a ribaltare questa convenienza e per questo motivo la Gilda di Cuneo, oltre ad esprimere grande soddisfazione per il risultato ottenuto a livello locale, è contenta di aver dato un contributo ad una soluzione più generale che possa portare nel più breve tempo possibile all´assunzione a tempo indeterminato di tutti quei docenti precari che da anni contribuiscono al regolare svolgimento di tutte le attività scolastiche.

Fossano, 29 marzo 2011
Coordinatore provinciale
Antonio Antonazzo
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?idcat=0&plug=motore&area=news&id=1543



* Precari: chieste immissioni in ruolo sui posti in organico di diritto

Gilda, serve una strategia politica chiara, no ad interventi confusi e parcellizzati

Si è tenuta il 29 marzo la riunione tra OO.SS. e Miur per analizzare la situazione relativa ai problemi legati alle graduatorie ad esaurimento dopo la sentenza della Corte Costituzionale che ha cassato le code e la sentenza della Corte di Cassazione che ha dichiarato l´incompetenza del giudice amministrativo in merito ai ricorsi sulle graduatorie deferendo tutta la materia al giudice ordinario.
La riunione è stata ancora interlocutoria.

L´amministrazione, ricostruendo storicamente i vari provvedimenti intercorsi negli ultimi anni sulla questione precariato e formazione delle graduatorie, ha preso atto che la sentenza della Corte Costituzionale ha ristretto le modalità di accesso alle graduatorie impedendo qualsiasi inserimento in coda. In questa fase le possibili soluzioni tecniche sulle graduatorie sono sostanzialmente tre in attesa di un imminente parere dell´Avvocatura dello Stato sugli stessi temi:

- mantenimento delle attuali graduatorie (senza le code) consentendo solo il loro aggiornamento nella provincia di attuale appartenenza;
- emanazione di un decreto legge sulle graduatorie che chiarisca la loro applicazione;
- scelta di una sola provincia nella cui graduatoria inserirsi a pettine.

L´amministrazione e la maggior parte delle OO.SS., Gilda compresa, privilegiano la prima soluzione, fatto stante che i tempi tecnici per gli aggiornamenti, la pubblicazione delle graduatorie, i possibili ricorsi, ecc. vedrebbero la conclusione delle operazioni verso la fine dell´anno in corso, ben al di là dei termini fissati per le future immissioni in ruolo e per la stipula dei contratti a tempo determinato annuali da parte degli UST e con effetti devastanti sul normale funzionamento delle scuole nell´a.s. 2011-12.
L´amministrazione ha comunicato che si atterrà in ogni caso al parere espresso dall´Avvocatura dello Stato.

Dopo aver esaminato gli effetti delle varie sentenze sulla stabilizzazione e sul riconoscimento degli scatti per i precari, le OO.SS. all´unanimità con il consenso dell´amministrazione ritengono che in questa fase emergenziale e confusa sia necessario procedere all´immissione in ruolo di un numero ampio di precari fino a coprire le disponibilità effettive nell´organico di diritto. Ciò comporterebbe un risparmio oggettivo nell´organizzazione delle procedure affidate agli uffici e avrebbe effetti limitati dal punto di vista dell´aumento della spesa pubblica nella prospettiva degli effetti delle sentenze in cui l´amministrazione è stata soccombente. In questo senso le OO.SS. si sono rese disponibili anche a definire nuovi parametri temporali per il calcolo della ricostruzione di carriera.
Tutte le OO.SS. chiedono alla sfera della politica e in particolare al Ministro e al Governo di affrontare i temi della formazione, del reclutamento, dei nuovi assetti delle classi di concorso in una logica di sistema evitando la parcellizzazione degli interventi.

FGU-Gilda degli Insegnanti esprime soddisfazione per la sintonia che si è riscontrata sui principali temi inerenti il precariato, ma esprime preoccupazione per l´assenza a tutt´oggi di una strategia politica chiara su tali temi. FGU-Gilda degli Insegnanti ribadisce che tutta la partita precariato-reclutamento- formazione deve essere affrontata con adeguati provvedimenti legislativi o atti aventi forza di legge.
E´ necessario uscire da questa fase confusa e convulsa in cui si inseriscono strumentalmente soggetti che usano i problemi del precariato per fabbricare ricorsi e speculare sui loro bisogni e sulle loro aspettative.
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?idcat=0&plug=motore&area=news&id=1544




* Gilda, via a due proposte di Legge

Area di Contrattazione specifica dei Docenti e Consiglio superiore della Docenza, per il rilancio dell´istruzione pubblica

Il 26 e il 27 marzo c.a. si sono riuniti a Roma i delegati della Gilda degli Insegnanti, convocati per l´ Assemblea nazionale. Diversi i temi all´ ordine del giorno: approvazione del Bilancio e confronto sul tema del merito.
Concluso rapidamente il primo punto, con ampissima approvazione della gestione patrimoniale consuntiva e preventiva, i lavori si sono concentrati sul tema del meritocrazia, introdotta nella P.A. dal Dlg 150/09 (c.d Brunetta) e applicata anche nella scuola, per ora in maniera sperimentale, da due progetti del Ministro Gelmini.

Il tema è stato introdotto, prima dal Coordinatore nazionale, Rino Di Meglio, che ha ribadito i punti pericolosi di un modello meritocratico che riconduca i docenti a figure esecutive, a scapito del riconoscimento della funzione istituzionale del docente, riconosciuta dalla Costituzione. Per questo, Di Meglio ha rilanciato le proposte - storiche e peculiari della Gilda - di un´area di Contrattazione specifica dei Docenti e del Consiglio superiore della Docenza, strumenti ancora validi ed essenziali per il rilancio dell´ istruzione pubblica, da tradurre in due proposte di Legge, per le quali raccogliere firme nelle scuole.

In un secondo momento, i componenti del centro Studi della Gilda, in una ideale continuazione del Convegno nazionale, tenutosi a Napoli il 12 Marzo 2011, hanno proposto un percorso di analisi, contenuto nel fascicolo specifico dal titolo "Merito sì, merito no. Buone ragioni per discutere nel merito" prodotto del lavoro del medesimo Centro Studi.
La discussione è stata arricchita dal contributo vivace di molti delegati che hanno espresso posizioni dinamiche, articolate e differenziate e da due interessanti documenti, presentati alla discussione dai direttivi di Benevento e di Palermo.

Benevento ha posto l´accento sulla pericolosità della valutazione, se non vengono "fissati dei paletti concettuali", pericoli anche per la democrazia, in un regime di apparente autonomia scolastica, in quanto la fisionomia gerarchica - e quindi di controllo - all´interno del sistema (si pensi che i direttori regionali sono di nomina governativa) potrebbe condurre facilmente al controllo del Collegio dei docenti ed interessare la libertà d´insegnamento, riconosciuta dall´art. 33 della Costituzione.

Palermo ha preliminarmente evidenziato le critiche ai progetti sperimentali di valutazione del merito del Ministro Gelmini, respinti nei contenuti, nei pericoli nascosti, nella logica globale e persino nella terminologia usata. La valutazione - sostengono i colleghi di Palermo - potrebbe essere solo "formativa, cioè un intervento di supporto alle istituzioni scolastiche che consenta di rimuovere gli ostacoli che impediscono talvolta agli studenti di raggiungere i necessari traguardi culturali". Ma, "prima di entrare nel merito degli eventuali sistemi di valutazione, bisogna richiedere con forza che vengano preliminarmente istituite concrete garanzie per la tutela degli insegnanti e della libertà d´insegnamento".

Il documento votato dalla A.N. alla conclusione della discussione è sintesi delle riflessioni espresse, e di tutti i documenti presentati.
A seguire anche discussione sul tema delle prove Invalsi e delibera di una posizione ufficiale sul tema, espressa in un documento.

Roma, 29 marzo 2011
Gilda degli insegnanti
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?idcat=0&plug=motore&area=news&id=1536



* Valutazione docenti, no al coinvolgimento dei genitori degli alunni

A essere premiato non sarebbe il merito, ma soltanto la ‘magnanimità´ nell´elargire voti"

No al coinvolgimento delle famiglie nella valutazione dei docenti. La Gilda degli Insegnanti ribadisce la sua netta contrarietà alla proposta avanzata dal ministro Gelmini nel progetto sperimentale sul merito presentato da viale Trastevere.
A destare ulteriore allarme è l´episodio della docente del liceo Parini di Milano, costretta a chiedere il trasferimento a causa delle pressioni e delle continue ingerenze da parte dei genitori degli alunni.
"Questa vicenda - dichiara il coordinatore nazionale, Rino Di Meglio - è soltanto uno dei tanti casi di mobbing ai danni degli insegnanti: chiedere ai docenti di essere meno rigorosi nei confronti degli studenti significa pretendere la sufficienza senza il necessario impegno per ottenerla. Le famiglie - sottolinea Di Meglio - devono rendersi conto che a scuola i voti non si regalano e che i buoni risultati si conquistano studiando. Se davvero i genitori venissero coinvolti nella valutazione dei docenti, a essere premiato non sarebbe il merito, ma soltanto la ‘magnanimità´ nell´elargire voti".
"La considerazione di cui godono i docenti italiani è sempre più scarsa: a dimostrarlo - aggiunge il coordinatore nazionale della Gilda - è anche la decisione del ministero dell´Economia di cancellare la detrazione fiscale di 500 euro per le spese professionali. Un ulteriore schiaffo - conclude Di Meglio - a una categoria di lavoratori sempre più vessata e sottovalutata".
Roma, 28 marzo 2011
Ufficio stampa Gilda degli insegnanti
http://www.gildains.it/public/documenti/1532DOC-701.pdf



* Il TG FGU edizione 1 aprile 2011

 REGIA, MONTAGGIO & RIPRESE SUHEL HASSOUN, GIORNALISTA ESTER TREVISAN
Si parla di proposte di legge Gilda, Prove invalsi, Precari e graduatorie, Disabili e insegnanti di sostegno.
http://www.gildains.it/news/dettaglio.asp?id=1552



* INCONTRO AL MIUR SU POSIZIONI ECONOMICHE PERSONALE ATA

Il giorno 30 marzo 2011 presso il MIUR si è svolto il programmato incontro tra i rappresentanti dell'amministrazione e le Organizzazioni Sindacali. Per la Gilda Unams ha partecipato Silvio Mastrolia.
L'Amministrazione ha illustrato una bozza di accordo nazionale concernente l'attuazione a regime dell'art.2, comma 3, della sequenza contrattuale (ex art.62 ccnl 2007-09) sottoscritta il 25 luglio 2008.
L'accordo regola i criteri, le procedure e le modalità di attribuzione della prima posizione economica e della seconda posizione economica previste dalla sequenza contrattuale del 25 luglio 2008.
Destinatario della prima posizione economica è il personale A.T.A. con contratto a tempo indeterminato limitatamente ai profili dell'area "A" e "B" di cui al CCNL 2007-09.
Destinatario della seconda posizione economica è il personale A.T.A. a tempo indeterminato dei profili professionale di Assistente amministrativo e di Assistente tecnico di cui alla tab. C allegata al ccnl del comparto Scuola, sottoscritto il 29 novembre 2007.

Questi i punti salienti della procedura proposta:
- entro il 15 novembre di ogni anno, gli Uffici Scolastici Regionali individuano le graduatorie esaurite ed in via di esaurimento;
- entro il 15 dicembre il MIUR dà il via a nuove procedure concorsuali in quelle REGIONI in cui le graduatorie risultano esaurite o in via di esaurimento;
- entro il 15 febbraio il personale ATA interessato presenterà le nuove domande tramite istanze on line che, prese in carico dal SIDI, saranno a disposizione delle segreterie delle scuole e degli Uffici Territoriali e potranno essere regolarizzate nel successivo mese di marzo;
A questo punto le due procedure della prima e della seconda posizione economica si differenziano in quanto per la seconda posizione è prevista la prova selettiva.

Prima posizione economica: Graduatorie definitive a partire dal 16 aprile;
Seconda posizione economica:
- 1° aprile-15 maggio prove selettive:
- entro fine maggio graduatorie provvisorie ed esame reclami:
- entro 15 giugno graduatoerie definitive
- fine giugno avvio della formazione degli ammessi

L'accordo prevede una disposizione transitoria per le graduatorie da formulare con effetto 1° settembre 2011 con una tempistica diversa che avrà inizio il 15 aprile 2011 con l'individuazione, da parte degli degli USR, delle graduatorie distinte per profili che necessitano di integrazione.
Le OO.SS. si sono espresse positivamente, salvo che sulla parte (art.5) attinente l'organizzazione del lavoro, sulla quale tutti hanno convenuto sulla opportunità della eleminazione o di una diversa formulazione.
L'incontro è stato aggiornato a mercoledì 6 aprile 2011
Il resoconto completo sul sito FGU



* Personale ATA – Concorsi per titoli – Guida alla compilazione allegato G

http://www.istruzioneveneto.it/wpusr/archives/8322
e la scheda della FlcCgil (http://www.flcgil.verona.it/nazionale/ata/24mesi2011/11%2029mar%20allG.htm)
Scadenza 28 aprile.



* Scuola in ospedale

Piano di riparto risorse per la scuola in ospedale e il servizio di istruzione domiciliare ex legge 440/1997 – esercizio finanziario 2010 – Indicazioni operative per la progettazione dei percorsi (C.M. n. 24 del 25 marzo 2011)
http://www.istruzione.it/alfresco/d/d/workspace/SpacesStore/7391e91f-5d6c-4763-8c6f-a0f2a0d96688/cm24_11.zip



* Graduatoria assistenti di lingua italiana all'estero - Anno scolastico 2011/2012

http://archivio.pubblica.istruzione.it/dg_affari_internazionali/area_assistenti.shtml



* Coordinamento Regionale delle Consulte degli Studenti – Regolamento

http://www.istruzioneveneto.it/wpusr/archives/8475



* Nuove normative per il conseguimento del CIGC – certificato idoneità alla guida del ciclomotore

Nota dg del 31 marzo 2011: http://www.istruzioneveneto.it/wpusr/archives/8472




* Periodo di prova e formazione in ingresso per il personale docente ed educativo – 2010/2011

Procedure di iscrizione alla piattaforma e avvio delle azioni formative blended
http://www.istruzioneveneto.it/wpusr/archives/8465



* Criteri e modalità di utilizzazione ed organizzazione del personale - obbligo di contrattazione - sussistenza.

Tribunale di Bologna – Decreto del 21-03-11 (da flcgil.it)
http://www.dirittoscolastico.it/tribunale_di_bologna__decreto_del_21-03-11.html




* Assenze per malattia ed invio certificati telematici

La scheda di approfondimento della FlcCgil: http://www.flcgil.verona.it/nazionale/11%2030mar%20certificatiTelematici.htm



* Sui diplomi magistrali un ricorso infondato

Il parere della Cisl sui ricorsi proposti da alcuni precari contro il regolamento sulla “formazione iniziale dei docenti”, aventi per oggetto le modalità di svolgimento del TFA (tirocinio formativo attivo), di cui si contestano sia la previsione di un numero programmato, sia l’obbligo di accedervi attraverso prove selettive. E’ prevista, inoltre, un’ulteriore motivazione, che riguarda specificamente i docenti provvisti del diploma magistrale, titolo di cui il nuovo regolamento, ad avviso dei promotori del ricorso, avrebbe abrogato il valore legale. [...]
http://www.cislscuola.it/content/20110331-sui-diplomi-magistrali-un-ricorso-infondato




* Precari, dal 1° aprile la domanda di disoccupazione solo on line

"Dopo i tre mesi di transizione, durante i quali è stato accettato ancora il modello cartaceo, l’Inps ha comunicato che accetterà richieste di sovvenzione, relative ai giorni dell’anno durante i quali il richiedente non ha lavorato, solo attraverso “l’utilizzo esclusivo del canale telematico”."
Tecnica della scuola: http://www.tecnicadellascuola.it/index.php?id=31437&action=view



* Slitta al 31 dicembre 2015 l’esercizio dell’opzione per il Tfr

"Il 29 marzo è stato definitivamente sottoscritto l’accordo quadro tra Aran e confederazioni sindacali, siglato il 1° dicembre 2010, nel quale si stabilisce che “il termine del 31 dicembre 2010 indicato dall’articolo unico dell’Aqn del 2 marzo 2006, è ulteriormente differito al 31 dicembre 2015, salvo diverse disposizioni legislative o successive proroghe da concordare”."
Tecnica della scuola: http://www.tecnicadellascuola.it/index.php?id=31438&action=view



* Proroga al 31 dicembre 2015 del termine per l’esercizio dell’opzione per il TFR.

Accordo ARAN SINDACATI DEL 29 marzo 2011
http://www.inpdap.it/archiviofile/normativa/interna/30-03-2011-notaop16.PDF



* Obbligo frequenza docenti di ruolo scuola primaria corsi formazione linguistica

finalizzati al conseguimento della specializzazione per l’insegnamento della lingua inglese
nota USR Veneto n. 4922 del 29.3.2011.
http://www.gildavenezia.it/csa/documenti/2011/nota_usr4299-2011_formazione%20lingua%20inglese.htm



* A075 e A076: Regolamento delle nuove classi di concorso

Riceviamo dal COORDINAMENTO Nazionale - docenti TRATTAMENTO TESTI e DATI ex A075/76
(Presidente Prof.ssa Monica Voltan, Coordinatore Interregionale Prof.ssa Ileana Vicentini)

Spett.le Sindacato GILDA
Sede Provinciale,
Vi scrivo a nome del COORDINAMENTO Docenti TRATTAMENTO TESTI, che rappresento in qualità di Coordinatore Interregionale, per segnalarVi quanto rilevato nelle tabelle del Regolamento delle nuove classi di concorso per la secondaria di secondo grado (applicative dall'anno 2012-13), fornite dal MIUR alle organizzazioni sindacali il 16 marzo 2011 (allegate).

Da quanto risulta, per noi docenti  A075 e A076 - Tratt. Testi (in futuro A-66) non è stata prevista la possibilità di insegnare dal 2012/2013
"Tecnologie dell'informazione e della comunicazione" nel primo biennio degli Istituti PROFESSIONALI:
B1 - Servizi per l'Agricoltura e lo Sviluppo Rurale
C1 - Produzioni Industriali e Artigianali
C2 - Servizi di Manutenzione e Assistenza Tecnica
insegnamento che già stiamo svolgendo durante il corrente anno scolastico, nell'ambito delle norme degli insegnamenti atipici, e che ci è stato attribuito anche per il prossimo anno scolastico come risulta dalla Circolare MIUR (organici a.s. 2011/12 ) n. 21 del 14 marzo 2011 e relative tabelle .

In vista dell´imminente incontro, durante il quale il MIUR accoglierà le proposte  dei sindacati,  avanziamo quindi richiesta del Vostro autorevole intervento affinché ci venga nuovamente assegnato ANCHE l´insegnamento di : "Tecnologie dell'informazione e della comunicazione" nel primo biennio dei  sopracitati  Istituti Professionali.

Ricordo che in data 14 dicembre 2010 si è tenuta l'udienza in Consiglio di Stato (Ricorso numero: 9819/2010) che ha annullato la sentenza cautelare del 2 agosto 2010 a favore dei docenti di informatica A042 (il Tar del Lazio, con l'ordinanza n.3588 del 02/08/2010, accoglieva la domanda cautelare inserita nel ricorso "ATTRIBUZIONE DELL'INSEGNAMENTO DELL'INFORMATICA AI SOLI DOCENTI DELLA CLASSE DI CONCORSO A042" presentato dai docenti di Informatica).

Il  Consiglio di Stato nella sentenza che è possibile leggere integralmente collegandosi al seguente link e cliccando su n. ordinanza 201005712
http://www.giustizia-amministrativa.it/webcds/DettaglioRicorso.asp?val=201009819
dispone:
...in considerazione del contenuto sostanziale delle materie di insegnamento A075 e A076 e della limitazione al solo biennio del possibile utilizzo degli insegnanti abilitati in tali materie per l'insegnamento della materia "informatica"...  Accoglie l'appello (Ricorso numero: 9819/2010) e, per l'effetto, in riforma dell'ordinanza impugnata, respinge l'istanza cautelare proposta in primo grado.

Alla luce di quanto esposto Vi preghiamo quindi di considerare le suddette argomentazioni e relative richieste  per evitare le numerose e certe situazioni di soprannumerarietà che si verrebbero ingiustamente a creare (già ora esiste una forte riduzione di ore di Tratt. Testi/Informatica  nel Tecnico Economico e nel Professionale Servizi commerciali).  Perdere anche le T.I.C., che abbiamo da sempre insegnato, sarebbe per noi docenti l'ennesima pesante penalizzazione.

Nel ringraziare anticipatamente per l'attenzione e la Vostra cortese disponibilità, in attesa di comunicazioni e di Buone Nuove, Vi giungano i più cordiali saluti.
Prof.ssa  Ileana Vicentini
Coordinatore Interregionale
COORDINAMENTO Nazionale Docenti Trattamento Testi






Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009


I materiali che rendo disponibili in rete, salvo diversa indicazione, si intendono pubblicati con licenza Creative commons per i testi e LGPL per il software (qui trovate una traduzione italiana non ufficiale)

Creative Commons License
This opera by Flavio Filini is licensed under a Creative Commons Attribuzione 2.5 Italia License.